domenica 9 febbraio 2014

L'ACROSTICO BIZZARRO: ARDENTE

Attenzione
Rubacuori
Disperato
Entra
Nel
Tuo
Entourauge

Sono finalmente sola, liberata da ogni gravame. Posso fare tutto ciò che una volta mi era proibito, o anche solo sconsigliato, tutto quello che ogni mattina la mia sconsiderata fantasia mi suggerisce, in quel momento sospeso fra la vita e la morte che è il risveglio. Fra l'altro dormo anche meglio...
Stamattina vado da Pepino in piazza Carignano e mi concedo uno splendido breakfast, con i frutti erotici più belli e più carnosi. Devo pur festeggiare.
Sarà un quarto d'ora che sono seduta, mangio tranquilla, mi lecco dignitosamente le dita su cui è rimasta un po' di marmellata di arance. Se non fosse davvero troppo le intingerei nella cioccolata che mi è di fronte, che ci sta bene.
E' appena entrato un aitante maschio che mi lascia il boccone di torta a mezz'aria. Ed è proprio la sua aria che mi ha colpito, ben più del suo look, che ricorda, questo, e molto da vicino, uno dei due bronzi di Riace, il guerriero.
L'atteggiamento è invece smarrito, quasi spaventato. Da che cosa fuggi, bel bronzo, elegante nel tuo cappotto di cammello e con un luccichio d'oro al polso?
Sento la mia voce offrirgli amichevolmente di sedersi al mio tavolo, e lui non se lo fa ripetere due volte, si siede con un sorriso riconoscente. Si serve liberamente, con lo stesso garbo che userebbe in casa propria. Così mi piaci! Mentre mangia gli guardo i riccioli neri, che, con finta noncuranza, fa cadere davanti agli occhi. Osservarlo mentre si ingozza mi suscita tenerezza.
Ecco, non sono già più libera... è il mio karma.




1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina